Orfani de che? De tutto

In questo periodo sta uscendo di tutto a livello fumettistico: Dodici di Zerocalcare, Un lavoro vero di Alberto Madrigal del quale un giorno parlerò anche qua (fino ad allora trattenete il fiato mi raccomando) Gipi invece torna a fare quello per cui è nato, scrivere fumetti.
Nel frattempo in Bonelli hanno pensato di iniziare una serie tutta a colori in un universo apocalittico tutto fantascienza e navi spaziali, che è la cosa più rivoluzionaria dopo la racchetta ammazza zanzare capitata all’umanità nell’ultimo lustro. Questi, lo dico per gli aficionados dell’ignoranza che forse non capiscono la portata storica dell’evento e neppure come allacciarsi le scarpe, sono quelli di Tex e Dylan Dog, roba che leggeva mio nonno e mio padre dopo di lui e che pure io leggevo seduto sul cesso in età pre-masturbatoria.

continua a leggere

Annunci

Dodici: recenZione 200 parole

Dopo mille peripezie per acquistarlo, ovvero una pigrizia micidiale ché proprio non avevo voglia di staccarmi da Hitman, mi sono spippolato l’ultima fatica di Zerocalcare.

Ora, questa è una storia di zombie, quindi il nostro con me gioca in casa e potrebbe fare un 3-0 pulito, tripletta sua e portarsi a casa pure il pallone. Stavolta però non ce la fa, al massimo un pareggino guarda.

Non so (lo so invece ma è per mantenere il pathos) cosa sia, se è per il fatto che questo è il quarto libro suo che compro in un anno e mezzo e la sovraesposizione non fa bene a nessuno o perché se ambienti una tua storia in un’apocalisse zombie, cazzara quanto vuoi, ironica e autoironica un tanto al kilo, devi sempre mantenere un certo ritmo altrimenti tutto va più o meno a ramengo.

Continua a leggere