Tempesta di squali

sharknado29f-2-web

Mio nonno mi raccontava la storia di un leone. Durante non so quale avventura in un paesello africano dove naturalmente lui non era mai stato d’un tratto si palesa a mio nonno un felino enorme, incazzoso e affamato. A questo punto io ero già pisciato sotto di paura e lui da maestro rapsodo rincarava la dose, lo stronzo. Infatti dopo una battaglia estenuante che si sarebbe risolta ai punti in un incontro tra gentiluomini, per una disattenzione il mio avo stava per capitolare (cosa che avrebbe reso difficile l’esistenza di questo blog) sotto le fauci di Mufasa, a questo punto però con un fiero colpo di reni il mio progenitore ficca lesto lesto un braccio dentro il leone fino alla coda e con un possente gesto a stantuffo lo rivolta come un calzino, letteralmente. 45 minuti di applausi e io che faccio l’elicottero col pisello in segno di giubilo e virile approvazione. Non so quante volta sia stata ripetuta questa vicenda in salse leggermente diverse, ma fino ai 6 anni ero sempre terrorizzato da questa favola.

Durante la visione di questo film questa storia continuava a tornarmi in mente, fino a quando arriva una scena che mi ha fatto capire che tutti i nonni raccontano la stessa favola, solamente che se sei uno sceneggiatore californiano ubriacone te l’hanno raccontata cambiando animale carnivoro e incazzoso.

sharknado1A produrre questo diversamente capolavoro di film sono i tizi della Asylum Production, dei tipi che sublimano la merda e la danno da mangiare convincendo chi guarda che sia cioccolata.
Ad esempio la scelta del protagonista è ricaduta su Ian Ziering, il frescone per eccellenza, un roscio ricciolino che all’epoca rimanevo sconcertato quando si spupazzava Clare in Beverly Hills.
vlcsnap-2013-07-31-11h47m37s225
Parlando della trama diciamo che non esiste.
L’attività di script me la immagino più o meno così: un tizio, probabilmente sotto anfetamine ha detto alla macchinetta del caffè degli studi “ma quanto sarebbe figo se un tipo tagliasse a metà uno squalo volante con una motosega?!?!”
Di seguito si sono inventati questa cagatona dei tornado che fanno volare gli squali, una tizia adolescente armata di fucile a pompa e il film era confezionato.
Ad ogni modo il film ha fatto il botto ed è diventato un cult tipo 5 minuti dopo la prima messa in onda, tanto che stanno girando un Sharknado 2: Aftershark, un nome fichissimo.
vlcsnap-2013-07-31-12h04m50s158Battuta della vita.
Annunci

2 pensieri su “Tempesta di squali

  1. Pingback: Walter Mitty: disgustotrama | autostrada perdigiorno

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...